Cyber Security: proteggere l’identità digitale del tuo business

 //

Viviamo ormai nell’era digitale che grazie a servizi innovativi semplifica la vita di tutti i giorni offrendoci possibilità prima inesplorate, dallo shopping alla collaborazione e alla comunicazione. Allo stesso tempo sono evolute anche le minacce che arrivano dalla rete e dai dispositivi che ogni giorni usiamo e portiamo con noi.

PalmSecure

Oggi sia le aziende sia le persone fisiche sono a rischio e devono proteggere le proprie risorse più importanti, i dati e le identità. Le persone sono sempre più oggetto di furto di identità ma anche veicolo di intrusione nelle proprie società. Le aziende, specie quelle più conosciute, sono diventate anche un facile tramite  per gruppi di attivisti per guadagnare la ribalta e portare messaggi di stampo politico o sociale. Il tutto è reso più semplice perché, mentre le aziende investono nella protezione perimetrale da attacchi esterni, viene sottovalutata la minaccia derivante da attacchi portati utilizzando violazioni dell’identità di utenti autorizzati.

Il problema del furto di identità è in aumento

Gli attacchi portati con lo scopo  di danneggiare servizi o acquisire informazioni importanti, se non addirittura sensibili, sono in forte aumento anche per la facilità con cui è diventato possibile acquisire credenziali di accesso anche da fonti insospettabili. I singoli individui vengono così a esporre la propria azienda a maggiori rischi e molto spesso inconsapevolmente.

Cosa possono fare le organizzazioni?

Secondo una ricerca fatta da Fujitsu, solo il 7% degli impiegati ritengono che i dati della propria azienda siano più importanti di quelli personali.
Le organizzazioni si trovano chiaramente ad affrontare una sfida impegnativa.
Chi ha la responsabilità dei livelli di sicurezza?
Secondo la ricerca, circa il 23% degli impiegati crede che sia le aziende sia loro stessi potrebbero fare di più.

Qual è il passo successivo per le aziende?

Il primo passo dovrebbe essere quello di creare consapevolezza e cultura della protezione dei dati siano essi personali che aziendali.
In secondo luogo le aziende dovrebbero adottare sistemi di protezione efficaci ma anche semplici da usare e manutenere. Ad esempio l’utilizzo di password più complesse o autenticazione a due fattori, valutazione dei rischi e controlli periodici dello stato di salute dell’IT e comunicare tali misure e il perché sia stato necessario adottarle, rendendo tutti i collaboratori parte della catena di sicurezza, aumenta la solidità di tutta l’azienda.
Infine, le aziende devono acquisire maggior visibilità sui loro ambienti operativi, rendendo i processi e le capacità più proattive circa la sicurezza cyber. Essere reattivi e aspettare che accadano gli incidenti mette le aziende in una posizione di svantaggio.
Anche se il digitale rende le nostre vite più facili, è importante ricordarsi dei rischi di sicurezza che queste nuove tecnologie comportano. Avere i giusti strumenti di sicurezza ed educare i propri impiegati può garantire che i dati siano protetti e che gli hacker non si approfittino di impiegati ignari.
Le minacce diventeranno sempre più complesse e non possiamo più accontentarci di rispondere tempestivamente agli attacchi, dobbiamo prevenirli.

Scopri di più sull’offerta in ambito security di Fujitsu.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email to someone
 //

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>