Fujitsu Forum 2017: il Keynote di apertura “Co-Creation Digitale”

 //

L’8 e il 9 novembre si è tenuto il Fujitsu Forum 2017 di Monaco, all’insegna del tema “Human Centric Innovation: Digital Co-creation”. Oltre 12.000 visitatori hanno potuto scoprire come la Digital Co-creation stia guidando la trasformazione del business, combinando le competenze verticali dei clienti con tecnologie innovative allo scopo di creare nuovo valore.

Duncan Tait al Fujitsu Forum 2017 di Monaco di Baviera

Fujitsu ha intervistato più di 1.600 business leader per una ricerca da cui è emerso che:

  • - Mentre il 46% delle organizzazioni ha dei progetti di trasformazione digitale, ben un terzo li ha cancellati, con un costo approssimativo di €500.000.
  • - Tre quarti degli intervistati ammettono di non avere abbastanza competenze digitali e l’84% afferma che i propri clienti vorrebbero che fossero più digitali.
  • - Il 90% afferma di aver definito con chiarezza una strategia digitale, ma il 74% dice che i progetti digitali si verificano al di fuori di questa strategia.
  • - L’86% crede che la propria capacità di adattarsi alle nuove tecnologie sia cruciale per la sopravvivenza dell’organizzazione.
  • - Il 58% degli intervistati ha affermato che i clienti e i consumatori finali stanno guidando la trasformazione digitale.

Duncan Tait, Director e CEO SEVP Head of EMEIA & Head of Americas di Fujitsu, sottolinea che per avere successo ci sia bisogno di un approccio PACT cioè focalizzato sull’avere le Persone giuste, sull’intraprendere le Azioni corrette, sull’instaurare le Collaborazioni più adeguate e infine sull’avere la Tecnologia necessaria.
Attraverso un simile approccio, è possibile gettare le basi per una trasformazione digitale di successo.
Per riuscirci, non bisogna farsi fermare da una cultura focalizzata sulla paura e bisogna avere i giusti partner.
Lo stesso concetto è stato sostenuto da Jo De Vliegher, Chief Information Officer di Norsk Hydro e da Olivier Onclin, Chief Operating Officer di Belfius. Realizzare una strategia digitale di successo richiede un cambiamento culturale, il che significa anche collaborare in un modo diverso, andando molto oltre le tradizionali relazioni vendor-cliente, ma realizzando progetti di co-creation. È necessario inoltre che le persone abbiano le capacità necessarie, perché bisogna essere digitali sia all’interno sia all’esterno della propria organizzazione.

20171108-FujitsuForum-106-596x397
Come si porta avanti l’innovazione evitando inutili rischi? Nuovi attori stanno entrando sul mercato attaccando il core businesses delle aziende, quindi sperimentare è diventato necessario. Il management deve essere pronto ad accettare i fallimenti nelle aree interessate dalla sperimentazione. Vi sono però aree in cui non ci si può assolutamente permettere di fallire, bisogna quindi avere un piano d’azione chiaro in modo che le non siano riluttanti a iniziare un viaggio di trasformazione digitale. Non bisogna dimenticare che sono proprio le persone alla base del successo. Tutti i progetti di trasformazione digitale devono essere appoggiati e supportati dal top management e la paura non deve intralciare il cambiamento.

Rob Enslin, President of Cloud Business Group di SAP, ha spiegato che non si può dare per scontato di avere all’interno della propria organizzazione le persone con le giuste competenze per portare avanti la trasformazione digitale. Un ecosistema co-operativo è la soluzione. Ecco perché, Duncan Tait ha annunciato che Fujitsu aprirà due nuovi centri di trasformazione digitale a Monaco di Baviera e a New York, in modo che i clienti e i partner possano beneficiare di un unico approccio di co-creation con Fujitsu.
Entrambi i centri saranno fondamentali per permettere a Fujitsu di realizzare la propria visione di una società più prospera, come ha sottolineato Tatsuya Tanaka, Representative Director and President di Fujitsu. Ecco perché Fujitsu sta oltrepassando i confini di una tradizionale azienda ICT, per esempio portando innovazione nel settore dell’agricoltura, della produzione e dei servizi finanziari attraverso la co-creation.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Email to someone
 //

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>