Published on in Digital Transformation

Entro il prossimo decennio, l’ambiente di lavoro fisico come lo conosciamo subirà significativi cambiamenti. Il digitale è il principale vettore di accelerazione di questo cambiamento e il processo di innovazione non è reversibile. In questo contesto, imprenditori, manager e governi hanno una responsabilità precisa per sostenere il modello di lavoro delle imprese nei prossimi anni.

Lo Smart Working, infatti, fa leva sulla tecnologia per garantire uno sviluppo di lavoro agile e allineare le attuali strategie aziendali al processo di trasformazione digitale. Si tratta di tecnologie di vario tipo, da strumenti per la condivisione immediata di dati, a quelle che consentono di connettere le persone a distanza.

In occasione del Forum PA 2018, tenutosi di recente a Roma, il più importante evento in Italia dedicato al settore della Pubblica Amministrazione, ho personalmente preso parte al convegno “Digital transformation e smart working della PA”.

Durante l’evento, ho colto l’occasione per approfondire alcuni temi chiave lungo i quali si sviluppa la strategia e la visione di Fujitsu in questo specifico segmento di mercato, analizzando come l’innovazione nell’ambiente di lavoro e la trasformazione digitale possano supportare il percorso di un settore pubblico sempre più efficiente e competitivo rispetto ai nostri partner europei.

A tal proposito, ho avuto il piacere di mostrare alcuni dati ad hoc della ricerca “Workplace 2025”, condotta dalla società di ricerche PAC (CXP Group) e commissionata da Fujitsu, che ha analizzato un campione significativo di responsabili decisionali di alto livello presso organizzazioni del settore pubblico e privato in Europa, Oceania e Nord America

Dall’indagine condotta a livello globale, emerge con chiarezza che il settore della PA è quello che maggiormente (53%) si sta adoperando per creare un workplace il più orientato possibile alla “customer experience” e che sta pianificando investimenti a breve termine nelle piattaforme enterprise social (68%) per migliorare la collaborazione interna.

Purtroppo, l’Italia rimane complessivamente indietro, come emerge dal Digital Economy and Society Index (DESI) della Commissione Europea, che vede il nostro Paese al 21° posto nella classifica dell’utilizzo di servizi digitali pubblici. Uno dei principali freni è la mancanza di una strategia comune di Lavoro 4.0 volta a ridurre il divario tra disponibilità di servizi e l’adozione da parte di cittadini e imprese.

In generale, crediamo che la spinta del digitale nella PA debba essere sostenuta per attivare un processo di innovazione e attirare nuove competenze per supportare nuovi schemi lavorativi. Ciò comporta, l’implementazione di processi, politiche e investimenti tecnologici che possano garantire modelli più flessibili e maggiore apertura alla collaborazione.

Muoversi verso il workplace del futuro crediamo sia irrinunciabile. Un ambiente di lavoro centrato attorno al dipendente, implementando un modello che permetta una collaborazione più efficace e una struttura operativa più flessibile per la forza lavoro.

Fujitsu da tanti anni ormai ha instaurato una solida collaborazione con Microsoft, che consideriamo tra i nostri partner più prestigiosi. Proprio in ambito workplace del futuro, abbiamo sviluppato insieme una serie di soluzioni che – in sinergia con le caratteristiche distintive di Windows 10 Pro – permettono alle aziende di migliorare i processi di business e di dotare la forza lavoro di strumenti all’avanguardia per accedere in sicurezza ad applicazioni e dati critici da qualsiasi dispositivo, ovunque e in qualunque momento. In ottica Future Workplace.

Marco Romagnoli

Marco Romagnoli

Head of Direct Sales at Fujitsu
Head of Direct Salesin Fujitsu Italia, opera all'interno della struttura Product Business con l’obiettivo di incrementare il business in ambito prodotto e di rafforzare il posizionamento distintivo dell’offerta Fujitsu relativa alle infrastrutture iper-convergenti.
Marco Romagnoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *