Pubblicato il in Digital Workplace

La trasformazione digitale procede inesorabilmente. Questo si traduce nella necessità di essere eccezionalmente versatili. Il che porta a farci una domanda: qual è il dispositivo mobile che meglio soddisfa questa necessità? A nostro avviso, molto dipende dalle industry di riferimento perché i criteri cambiano da lavoro a lavoro.

Se prendiamo il settore finanziario e assicurativo, la necessità di accedere in tempo reale a dati e servizi on-line sarà la preoccupazione maggiore; per questo il dispositivo mobile più adatto dovrà poter navigare in rete velocemente e in completa sicurezza.

Se guardiamo al settore manifatturiero e ingegneristico, al device potranno essere richieste anche funzionalità di intelligenza artificiale e realtà aumentata, le stesse che sono maggiormente impiegate nei processi di produzione e sempre di più nei siti di lavoro.

Tutta un’altra storia se parliamo dell’utilizzo di device nelle corsie di un ospedale; medici e collaboratori devono poter garantire il massimo dell’igiene ai propri pazienti, e preferiranno dispositivi costruiti con materiali antibatterici e facili da disinfettare.

Cambiamo scenario e pensiamo invece a un aeroporto, dove transitano innumerevoli persone. Affidabilità, velocità di calcolo e sicurezza sono le parole d’ordine dei device utilizzati nei diversi ambienti e durante le varie fasi di imbarco.

Dando per scontato che il tema della sicurezza è trasversale a tutti i settori, se prendiamo in esame i device di cui devono essere dotati gli uomini delle forze dell’ordine constatiamo che i criteri ai quali devono rispondere sono la resistenza a urti, intemperie, assalti e il fatto di essere compatti, dato il poco spazio a disposizione.

In ambito education, i dispositivi sono utilizzati oggi sia per l’interazione con i bambini, spesso sin dalla scuola dell’infanzia, sia con gli anziani, in contesti ad esempio riabilitativi; in questi casi, un’interfaccia intuitiva e di facile utilizzo diventa la caratteristica principale che il dispositivo deve avere.

Se, come abbiamo visto, ci sono innumerevoli considerazioni che portano alla scelta di un device piuttosto che un altro, su una cosa siamo tutti d’accordo: i dispositivi devono permetterci di compiere le mansioni in modo naturale. Un esempio, tra i tanti, il sistema che utilizza l’identificazione delle vene del palmo della mano per contrastare le frodi di identità o, grazie a una partnership tra Fujitsu e Microsoft, l’integrazione sui notebook Fujitsu di Windows Hello, la piattaforma che permette di accedere ai dispositivi Windows 10 con un tocco o un’occhiata grazie al riconoscimento del volto e delle impronte digitali.

           Windows 10 Pro significa business.
Marco Romagnoli

Marco Romagnoli

Head of Direct Sales at Fujitsu
Head of Direct Salesin Fujitsu Italia, opera all'interno della struttura Product Business con l’obiettivo di incrementare il business in ambito prodotto e di rafforzare il posizionamento distintivo dell’offerta Fujitsu relativa alle infrastrutture iper-convergenti.
Marco Romagnoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *