Published on in Digital TransformationDigital Workplace

Nuovi processi di lavoro, tool di produttività, ambienti fisici destinati a diventare obsoleti entro i prossimi sette anni: l’ufficio fisico sarà presto irriconoscibile rispetto a quello che vediamo oggi.

Sono queste alcune considerazioni emerse da uno studio realizzato dalla società di ricerche Pierre Audoin Consultants (PAC) per conto di Fujitsu, con l’obiettivo di esaminare i principali elementi che comporranno il cosiddetto ‘Workplace del futuro’, suggerendo i possibili interventi da parte delle aziende per continuare a essere competitive. La flessibilità, piuttosto che la stabilità, diventerà, secondo la ricerca, l’obiettivo primario per più di un terzo delle società dove il 50% del personale lavorerà in remoto entro il 2025.

Una delle principali previsioni, formulate dal report “Workplace 2025”, riguarda la crescita inarrestabile dell’Intelligenza Artificiale e la nascita di un luogo di lavoro dinamico, basato sulla condivisione di ambienti, risorse e valori comuni tra persone.

Ma quale sarà la strategia di Workplace vincente nel 2025?

La risposta, secondo Fujitsu, è la creazione di uno spazio modulare e flessibile in grado di supportare le differenti esigenze dei lavoratori.

In un’economia globalizzata e sempre più competitiva, l’azione individuale lascia il posto a quella “connettiva”, dove coltivare reti di relazioni diventa una delle competenze centrali.

La rigidità di alcune attuali strutture verrà quindi sostituita da piccole reti collaborative, composte da team di freelance interni ed esterni, collegati tra loro attraverso piattaforme di comunicazione unificate e supportate da assistenti intelligenti.

Fujitsu è, infatti, sponsor esclusivo di Hyprspace: il primo Hub dedicato alle startup inaugurato a Monaco, in Germania. Una struttura di “spazio condiviso”, nata per rispondere alle esigenze di coloro che, grazie alle nuove tecnologie come la realtà aumentata, adattano il proprio contributo e lo stile di lavoro per rispondere a necessità variabili su attività differenti e non legate al modello tradizionale di ufficio.

Oggi, l’Intelligenza Artificiale è in grado di compiere una varietà crescente di attività e sta iniziando ad avere un impatto di vasta portata su molti aspetti del Workplace e del modo in cui le persone vivono e lavorano. In futuro, probabilmente, le strutture di business adotteranno modelli sempre più flessibili all’insegna della collaborazione.

Anche in Italia si assiste alla crescente necessità di supportare un numero significativo (e in espansione) di freelance e lavoratori a distanza. L’attenzione dovrà focalizzarsi maggiormente sulla stretta collaborazione tra Istituzioni e aziende per garantire che il personale abbia la possibilità di accedere agli strumenti, ai sistemi e ai dati necessari richiesti per essere pienamente produttivi, indipendentemente dal luogo di lavoro in cui si trovano.

 

Massimiliano Ferrini

Head of Product Business at Fujitsu Italia
Head of Product Business in Fujitsu Italia, con 20 anni di esperienza nel settore IT, ha il compito di coordinare le attività volte all'incremento delle quote di mercato relative ai prodotti e allo sviluppo del canale di vendita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *