Pubblicato il in Infrastructure for the Digital World

Secondo Fujitsu, il futuro dei Data Center non può non tenere conto della tecnologia ‘Non-Volatile Memory Express’ (NVMe), il protocollo di memorizzazione e interfaccia di controllo NVMe che ha l’enorme vantaggio, rispetto ai protocolli SATA o SAS, di poter processare fino a 64.000 flussi di dati paralleli rispetto alla capacità di gestire una sola coda di dati alla volta.

Per questo, la tecnologia NVMe non solo è diventata il punto di partenza per una sorta di rivoluzione dei server Fujitsu, ma queste soluzioni saranno via via sempre più adottate nelle sue linee di prodotti storage, con l’obiettivo di offrire una velocità di trasferimento dei dati ed una capacità di elaborazione senza precedenti.

In un contesto dove la crescente adozione di tecnologie a l’utilizzo intensivo di dati dovuti all’intelligenza artificiale, ai Big Data e all’Internet of Things genera sempre più flussi paralleli di dati da gestire, il sistema storage Fujitsu basato sul protocollo NVMe e sulla tecnologia del bus PCIe permetterà ai clienti di gestire l’accesso a quantità massive di dati paralleli senza bisogno di aumentare il numero di sistemi storage installati. 
I sistemi storage Fujitsu di prossima generazione disporranno quindi di tecnologia NVMe nativa in combinazione con dischi SSD (Solid State Drive) connessi via PCIe per raggiungere altissime velocità di trasferimento parallelo di dati precedentemente impossibili da ottenere, rendendo di fatto questi sistemi ideali per attività che fanno ricorso intensivo al calcolo e ai dati, come l’in-memory computing e l’elaborazione di workload paralleli in tempo reale a bassa latenza per molteplici applicazioni, sia all’interno dei data center che alla periferia della rete. 

Più in particolare, Fujitsu prevede di adottare NVMe nelle future linee di prodotti a fianco dei dispositivi storage flash ETERNUS AF, mentre già si avvale di questa tecnologia per la memoria cache secondaria dei nuovi array ibridi ETERNUS DX 8900 S4 e per i server PRIMERGY.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *